Quadri personalizzati per bambini con tanti personaggi, animali, segni zodiacali e per eventi speciali

Un mondo di magia e divertimento...

gruppo-bambine gruppo-bambini
adminBambes

adminBambes

krillNome in Codice: KRILL

Nome scientifico: Eudyptes Sclateri

Nome comune: Pinguino Crestato

Classificazione: Uccello

Dove vive: Oceania (Nuova Zelanda)

Stato di conservazione: IN PERICOLO

Segni particolari: La sua caratteristica principale è quella di avere una creste bionda che si estende sopra gli occhi. Si nutre di crostacei e cefalopodi e si riproduce una volta all’anno. E’ alto circa 70 cm e pesa intorno ai 6 kg. Questo pinguino si riproduce una volta all’anno.

gharaNome in Codice: GHARA

Nome scientifico: Gavialis Gangeticus

Nome comune: Gaviale del Gange

Classificazione: Rettile

Dove vive: Subcontinente Indiano

Stato di conservazione: CRITICO

Segni particolari: Il suo habitat sono i grossi corsi d’acqua a corso lento. Può superare la lunghezza di 7 mt e il peso di 350 kg. Il suo segno particolare è il muso estremamente allungato, la cui estremità termina con una vera e propria protuberanza. Ha l’intero corpo ricoperto da squame quadrate. 

plioNome in Codice: PLIO

Nome scientifico: Monachus Monachus

Nome comune: Foca Monaca

Classificazione: Mammifero

Dove vive: Europa (Mediterraneo e Canarie)

Stato di conservazione: CRITICO

Segni particolari: Ha la testa piccola e leggermente appiattita ed è provvista di lunghi e robusti baffi detti “vibrisse”. Predilige i tratti di mare vicini alle coste, dorme in superficie in mare aperto e si può spostare anche di alcune decine di chilometri al giorno. I giovani entrano in acqua già a pochi giorni dalla nascita.

ennhyNome in Codice: ENNHY

Nome scientifico: Enhydra Lutris

Nome comune: Lontra Marina

Classificazione: Mammifero

Dove vive: Australia (Queensland)

Stato di conservazione: IN PERICOLO

Segni particolari: E’ il più piccolo mammifero marino. Galleggia in mare a pancia in su e ha molta cura della sua stupenda pelliccia, che gli serve da isolamento e da termoregolazione. Per spezzare le conchiglie è solita portar su dal fondo una pietra, mettersela sul petto e sbattervi il mollusco per romperlo.  

Italian Chinese (Simplified) Dutch English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

ORDINA ORA

Pagamenti e Consegne

FacebookTwitter